permesso per salute a cittadino NON UE ospite per visita alla famiglia

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 402
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

permesso per salute a cittadino NON UE ospite per visita alla famiglia

Messaggio da Mauri.Clara » lun lug 02, 2018 5:37 pm

Un cittadino albanese ospite per breve vacanza presso i genitori regolarmente residenti a Massa ha subito un intervento chirurgico non grave, ma comunque urgente e che rendeva necessarie successive visite di controllo; di cui una fissata dopo la scadenza dei 90gg e una di controllo da farsi a settembre, ma ovviamente non calendarizzata.
Leggendo il referto dissi che non si poteva dalla descrizione del medico dedurre la necessità di rimanere in Italia fino al controllo di settembre; aggiunsi che mi sembrava opportuno rientrare e poi eventualmente ritornare in settembre; aggiunsi anche che mi sarei informata per sapere se ci fosse qualche possibilità di restare regolarmente; purtroppo essendo costretta a lavorare con tempi più limitati di quelli che faccio solitamente, quando finalmente ho potuto di nuovo occuparmi del caso i 90gg erano scaduti.
Tuttavia la madre di questo giovane mi ha recentemente descritto con più particolari la convalescenza post intervento e quindi mi é sembrato opportuno chiedere ai medici di meglio descrivere i postumi dell'intervento affinchè potesse eventualmente la questura valutare se ci fossero le condizioni per rilasciare un permesso per salute.
Sarà possibile chiedere il rilascio di un permesso di soggiorno per salute anche se i 90gg sono passati da almeno 10gg e l'interveno non é fortunatamente gravissimo?

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 745
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: permesso per salute a cittadino NON UE ospite per visita alla famiglia

Messaggio da adirmigranti » mar lug 03, 2018 4:34 pm

Il rilascio di un permesso per "cure mediche - salute" come sa prevede l'ingresso con specifico visto di ingresso, non rilevando in tal senso il fatto che l'interessato abbia fatto ingresso in Italia da oltre 90 gg.:
https://www2.immigrazione.regione.tosca ... pa_prov=FI

Tanto per capirsi il cittadino extracomunitario non ha diritto ad un permesso di soggiorno in caso necessiti di cure una volta entrato per turismo, dovendo avere apposita copertura sanitaria assicurativa: qualora le cure gli rendessero impossibile fare regolare rientro nel proprio Paese entro i 90 gg. concessi dall'ingresso per turismo (in esenzione di visto), ovviamente la documentazione medica costituisce una prova di tale impossibilità, mettendolo al riparo da eventuale espulsione e divieto di reingresso.

Dal suo quesito non si evincono una serie di informazioni:
1) immaginiamo innanzitutto che l'interessato sia maggiorenne e che quindi non sia percorribile la strada della coesione familiare coi genitori;
2) immaginiamo analogamente che i genitori non siano naturalizzati italiani e che quindi non sia possibile neppure il rilascio di un permesso per motivi familiari ex art 19, c. 2, lett. c),
3) immaginiamo infine che l'interessato abbia avuto urgenza di cure dopo aver fatto ingresso in Italia per turismo e che non sia in grado oggi di lasciare il territorio italiano per motivi di cure mediche (vedi quanto sopra). Se invece è in grado di prendere un aereo e tornare in Albania, potrà ovviamente fare ingresso per motivi di cure la prossima volta, ovviamente dimostrando tutti i requisiti richiesti, anche se sulla base della documentazione che potrà già procurarsi presso l'istituto presso il quale dovrà effettuare le cure una volta fatto nuovamente ingresso.

Per ulteriore approfondimento in merito alla questione ingresso e soggiorno per cure mediche si consiglia la lettura anche del seguente link a cura del Ministero della Salute:
http://www.salute.gov.it/portale/temi/p ... menu=vuoto

Cordialmente

Rispondi