Legalizzazione documenti provenienti dal Marocco ai fini di un permesso ex art. 19 T.U.

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 444
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

Legalizzazione documenti provenienti dal Marocco ai fini di un permesso ex art. 19 T.U.

Messaggio da Mauri.Clara » lun feb 13, 2017 8:04 pm

Un cittadino del Marocco convivente con sorella cittadina italiana vuole chiedere un permesso di soggiorno ex art.19 del TU;
per dimostrare la parentela con la sorella vorebbe usare il certificato di parentela tradotto da traduttrice autorizzata dal Consolato italiano a Casablanca e i certificati originali suo e di sua sorella, confezionati per entrambi nello stesso modo (nell'allegato sembrano essere prodotti in modo diverso ,ma ho sbagliato nel fotocopiarli). Comunque la mia domanda é : può utilizzare il certificato di parentela allegato tradotto in luglio 2016, prima che il Marocco entrasse in regime di Apostille? quello che mi ha sorpreso é il fatto che manchi la legalizzazione dell'Ambasciata italiana, vi sono capitati casi analoghi?
E' urgente perchè domani ha appuntamento in questura per chiedere il permesso di cui sopra, ma temo che i certificati non siano stati tradotti e legalizzati nel modo corretto.

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 843
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Legalizzazione documenti provenienti dal Marocco ai fini di un permesso ex art. 19 T.U.

Messaggio da adirmigranti » mar feb 14, 2017 12:06 pm

Visto l'allegato le confermiamo la mancanza di legalizzazione da parte del consolato italiano.
Consigliamo pertanto di presentare in questura per la sorella italiana il certificato rilasciato dal Comune Italiano che non ha bisogno evidentemente di traduzione e di legalizzazione o apostille, per il fratello riteniamo possibile (come indicato ad es. dalla prefettura di Firenze per le cittadinanze) di far tradurre nuovamente il certificato di nascita marocchino da un traduttore iscritto all'albo del tribunale per poi apostillare il tutto presso la competente Prefettura, uff. legalizzazioni (in allegato la guida al riconoscimento dei certificati esteri).
Sicuramente vale la pena avere conferma dalla Questura e dall'ufficio legalizzazioni della Prefettura della procedura di cui sopra, dato che altrimenti si dovrà rifare la procedura dal Marocco.
Le chiediamo di volerci dare un feedback rispetto alla soluzione prospettata.
Nell'augurarle buon lavoro,
cordialmente
Allegati
Guida cetificati esteri e procedure per riconoscimento cittadinanza italiana.pdf
(279.63 KiB) Scaricato 62 volte

Rispondi