Come sanare gli errori riportati nei permessi di soggiorno? (problema patente)

Rispondi
Archain.Salomè
Messaggi: 6
Iscritto il: lun gen 16, 2017 9:27 am

Come sanare gli errori riportati nei permessi di soggiorno? (problema patente)

Messaggio da Archain.Salomè » mar feb 21, 2017 11:33 am

Buongiorno, chiedo un chiarimento circa le possibilità di correzione di errori riportati sul permesso di soggiorno.
La procedura per la richiesta della correzione può essere solo quella della domanda di aggiornamento o ci sono altre possibilità?
1) In un primo caso che vi segnalo, l'errore è stato nell'indicazione della durata del permesso. Si tratta di un permesso per asilo politico che invece di avere durata di 5 anni, è stato stampato con una validità di 4 anni. La Questura, di Lucca in questo caso, ha suggerito all'interessato di non fare niente e di chiedere al momento del rinnovo il rilascio di un permesso della durata di 6 anni. L'interessato può davvero avere qualche speranza che in una Questura, probabilmente diversa da quella del rilascio, gli daranno un permesso con tale durata? O sarebbe forse meglio procedere subito ad una richiesta di aggiornamento? Inoltre in questo caso non si potrebbe tentare la strada di un' istanza di correzione scritta da presentare in Questura o da inviare con raccomandata?
2) Nel secondo caso invece si tratta di un errore sulla iniziale del luogo di nascita del pds CE, che impedisce il rilascio della patente da parte della Motorizzazione. Una volta effettuata la richiesta di aggiornamento, con la sola ricevuta di presentazione, la Motorizzazione dovrà procedere al rilascio della patente senza dover aspettare il nuovo permesso elettronico, giusto?
Grazie per l'attenzione.

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 835
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Come sanare gli errori riportati nei permessi di soggiorno? (problema patente)

Messaggio da adirmigranti » mer feb 22, 2017 12:13 pm

Innanzitutto vale la pena consigliare ai diretti interessati di controllare bene tutti i dati prima di ritirare in Questura il tiutolo di soggiorno e far valere in quella sede le proprie ragioni qualora vi siano degli errori.

Distinguendo però le due situazioni:

1) nel primo caso l'errore della questura è certo, non dovendo l'interessato, a differenza della P.A., conoscere la normativa e quindi la durata dei titoli di soggiorno. Diremmo pertanto che in questo caso è opportuno fare una richiesta ufficiale (via pec o raccomandata A/R) in cui si chiede di correggere l'errore commesso. Il suggerimento della Questura immaginiamo sia stato fornito verbalmente: è invece assolutamente necessario in questi casi far sì che ognuno si prenda le proprie responsabilità, per cui è necessario chiedere per iscritto e pretendere per iscritto una risposta, dal responsabile dell'ufficio immigrazione della Questura di Lucca.

2) la questione è annosa e il problema è relativo alla prassi posta in essere da alcune motorizzazioni di rifiutare (sempre e solo verbalmente) la possibilità di sostenere l'esame e quindi di dare avvio al procedimento amministrativo stesso, qualora vi sia discordanza tra i dati riportati sul permesso di soggiorno rispetto a quelli riportati sul passaporto.
Tale interpretazione della normativa è a nostro avviso scorretta e illegittima. Riteniamo infatti che la Motorizzazione debba avviare il procedimento amministrativo di concessione della patente sulla base dei dati anagrafici riportati sul documento di identità valido per l'espatrio (di norma il passaporto), eventualmente contattando la Questura che ha rilasciato il titolo di soggiorno per avere conferma del fatto che, nonostante la difformità anche parziale dei dati sui due documenti, il titolare sia effettivamente la stessa persona e che quindi sia regolarmente soggiornante.

Si riportano di seguito le ultime circolari sul tema trasmesse dal Ministero dei Trasporti:
http://www.patente.it/normativa/circola ... a?idc=2505

http://www.patente.it/normativa/circola ... i?idc=2690

Rispondi