Richiesta cittadinanza senza continuità di residenza

Rispondi
Fiaschi.Sonia
Messaggi: 11
Iscritto il: dom mar 05, 2017 1:17 pm

Richiesta cittadinanza senza continuità di residenza

Messaggio da Fiaschi.Sonia » sab giu 23, 2018 12:36 pm

Un cittadino del Marocco presente in Italia da oltre 10 anni vuole presentare richiesta di cittadinanza. Purtroppo è stato cancellato dall'anagrafe per mancato rinnovo di dimora abituale ed è stato per circa un anno senza residenza ma non senza permesso. La famiglia presso cui era domiciliato ha fatto dichiarazione scritta da allegare alla domanda di cittadinanza indicando esattamente il periodo di permanenza del richiedente presso la stessa. Inoltre a dimostrazione della sua presenza in Italia può produrre copia del cud e delle buste paga del lavoro da lui svolto. Sarà sufficiente per ottenere la cittadinanza?

adirmigranti
Messaggi: 538
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Richiesta cittadinanza senza continuità di residenza

Messaggio da adirmigranti » lun giu 25, 2018 5:40 pm

Salve,
il problema è autocertificare la residenza decennale tramite il modulo on-line: nell'apposita sezione infatti devono essere indicate le date di iscrizione anagrafica e dei cambi di residenza, oltre agli indirizzi. In questo senso non si potrà indicare come residenza quello che invece è stata semplicemente una dichiarazione di cessione di fabbricato per ospitalità, di conseguenza, anche semplicemente ai fini della possibilità di invio dell'istanza, si tratta di dichiarare una cosa per un altra.

Il fatto che si stato cancellato per mancato rinnovo della dimora abituale significa innanzitutto che il Comune presso il quale risiedeva ha provveduto a notificargli la richiesta sulla base del rinnovo del permesso di soggiorno e che l'utente non ha risposto a tale avviso: normalmente la raccomandata (o l'avviso tramite messo) viene inviata alla scadenza del permesso di soggiorno, risultante dalla scheda anagrafica. La cancellazione però avviene dopo 6 mesi, dopo apposita verifica da parte dei VV.UU.
Nel caso rappresentato sarebbe quindi importante poter dimostrare che non si è provveduto a comunicare all'anagrafe la richiesta di rinnovo e quindi la nuova scadenza del permesso rinnovato per cause non imputabili all'interessato. Molto difficile sarà invece giustificare la mancata richiesta di nuova iscrizione per un anno dopo la cancellazione.

Si raccomanda pertanto di rendere chiaro all'utente le conseguenze in merito alle dichiarazioni mendaci (vedi ultima sezione del modulo on-line), dopodiché ovviamente sarà responsabilità della prefettura prendere in considerazione ogni elemento ai fini della valutazione del requisito di cui all'art. 9, c. 1, lett. f): "risiede legalmente da almeno dieci anni".

A disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento
cordialmente

Rispondi