Sent. Cons. di Stato sez. III n° 5040/2017: permesso di soggiorno al partner di cittadino UE

Rispondi
Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 821
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Sent. Cons. di Stato sez. III n° 5040/2017: permesso di soggiorno al partner di cittadino UE

Messaggio da adirmigranti » lun feb 11, 2019 11:47 am

In allegato la sentenza di cui si riportano alcuni passaggi fondamentali:

"Pertanto, nonostante la sostanziale natura fittizia del rapporto di
collaborazione domestica, ma a fronte di un rapporto di convivenza evidente e
dichiarato, la Questura avrebbe dovuto valutare, ai sensi dell’art. 5, comma 9,
del d. lgs. n. 286 del 1998, il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi
familiari ai sensi dell’art. 30, comma 1, lett. b), del d. lgs. n. 286 del 1998,
disposizione che, seppure introdotta per regolare i rapporti sorti da unioni
matrimoniali, non può non applicarsi, in base ad una interpretazione analogica
imposta dall’art. 3, comma secondo, Cost., anche « al partner con cui il
cittadino dell’Unione abbia una relazione stabile debitamente attestata con
documentazione ufficiale
», secondo la formula prevista, seppure in riferimento
al diritto di soggiorno di un cittadino di uno Stato membro UE dei suoi familiari
in un altro Stato membro, l’art. 3, comma 2, lett. b), del d. lgs. n. 30 del 2007.
"

"La circostanza che l’attuale legislazione in materia di permessi di soggiorno
non sia stata ancora adeguata o comunque ben coordinata, sul punto, alle
riforme introdotte dalla l. n. 76 del 2016 sulle unioni civili e di fatto,
consentendo il rilascio del permesso di soggiorno per motivi familiari, di cui
all’art. 30, comma 1, lett. b), del d. lgs. n. 286 del 1998, anche al convivente
straniero di cittadino italiano, purché ne ricorrano le condizioni, formali e
sostanziali
, ora previste dalla stessa l. n. 76 del 2016 (e, in particolare, dall’art.
1, commi 36 e 37), non osta all’applicazione mediata, anche in via analogica,
degli istituti previsti dalla legislazione in materia di immigrazione per le unioni
matrimoniali e, quindi, dello stesso art. 30, e ciò per la forza, essa immediata, di
principî costituzionali ed europei, la cui cogenza prescinde dalla normativa
sopravvenuta della medesima l. n. 76 del 2016 e dalle conseguenti disposizioni
di attuazione e/o coordinamento.
"
Allegati
2017-CDS-5040-famiglia-convivenza.pdf
(117.67 KiB) Scaricato 34 volte

Rispondi