incostituzionalità della L.R. Lombardia per requisito residenza 5 anni consecutivi - ERP

In questa sezione sono inserite linee guida su specifici argomenti, schede pratiche, sentenze e giurisprudenza rilevanti.

Se vuoi porci un QUESITO o fare una SEGNALAZIONE puoi iscriverti al portale tramite questo link https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIp ... g/viewform
Al termine della procedura di iscrizione riceverei le credenziali di accesso al portale.

Per segnalazioni urgenti chiamate il numero 3939011446 (mercoledì h 9-14, giovedì h 14-17).


Immagine
Questa sezione è realizzata nell'ambito del progetto #ionondiscrimino, finanziato dal FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020 OS 2: Integrazione / Migrazione legale – ON 3: Capacity building – lett. l) potenziamento della Rete nazionale dei centri antidiscriminazione.
#ionondiscrimino (PROG-706) prevede una serie di azioni per riconoscere, prevenire e combattere le discriminazioni dirette e indirette fondate sulla razza e sull’origine etnica nei confronti dei cittadini di Paesi Terzi.

Immagine
Rispondi
Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1038
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

incostituzionalità della L.R. Lombardia per requisito residenza 5 anni consecutivi - ERP

Messaggio da adirmigranti » lun mar 09, 2020 3:54 pm

Con la Sentenza n. 44/2020 la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità dell'art. 22, comma 1, L.R. Lombardia n. 16/2016 (disciplina regionale servizi abitativi), nella parte in cui prevedeva come condizione di accesso ai servizi abitativi di edilizia residenziale pubblica la residenza anagrafica o svolgimento di attività lavorativa in Regione Lombardia per almeno 5 anni nel periodo immediatamente precedente la presentazione della domanda.

La Consulta ribadisce l'inviolabilità del diritto all'abitazione concludendo per "l'irragionevolezza del requisito della residenza ultraquinquennale previsto dalla norma censurata come condizione di accesso al beneficio dell'alloggio ERP". A fondamento della propria decisione argomenta la Corte che "la previa residenza ultraquinquennale non è di per sé indice di un’elevata probabilità di permanenza in un determinato ambito territoriale" e che "In ogni caso (...) lo stesso “radicamento” territoriale, quand’anche fosse adeguatamente valutato (non con riferimento alla previa residenza protratta), non potrebbe comunque assumere importanza tale da escludere qualsiasi rilievo del bisogno.".

Si allega il testo integrale della decisione.
Allegati
Consulta OnLine - Sentenza n. 44 del 2020.pdf
(168.51 KiB) Scaricato 51 volte

Rispondi