domanda di cittadinanza ex art 5 L 91/ 05febbraio 1992 pec obbligatoria

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 474
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

domanda di cittadinanza ex art 5 L 91/ 05febbraio 1992 pec obbligatoria

Messaggio da Mauri.Clara » mar lug 16, 2019 2:54 pm

Dopo l'aggiornamento del programma per l'invio on line della domanda di cittadinanza, inserendo i dati di una coppia di cittadini NON UE qui residenti regolarmente da molti anni, mi sono trovata in difficoltà era obbligatorio inserire non solo un' indirizzo e mail ma anche una PEC .
Poiché i certificati degli interessati stavano per scadere ho ripetuto il loro indirizzo e mail ed è stato possibile procedere nella compilazione della domanda.
In Prefettura mi spiegavano che l'indirizzo PEC é obbligatorio; poiché molti utenti non usano la e mail avranno ancora più difficoltà a chiedere l'attivazione della pec che poi servirà solo per la domanda di cittadinanza ;volevo sapere se é obbligatorio inserire
la PEC e quali le conseguenze per la sua domanda di cittadinanza se avesse solo una email ?
Credo che la conseguenza potrebbe essere quella che non potrà leggere le eventuali comunicazioni inviate dal Ministero dell'Interno.
Potete correggere o integrare?

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 896
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: domanda di cittadinanza ex art 5 L 91/ 05febbraio 1992 pec obbligatoria

Messaggio da adirmigranti » lun lug 29, 2019 4:13 pm

Salve, purtroppo le variazioni informatiche sul modulo sono in continua evoluzione: per quel che riguarda la PEC le avremmo consigliato esattamente di fare come ha fatto, ovvero di ripetere il normale indirizzo mail dell'interessato.

Dall'altro lato direi che avendo inviato l'istanza la prefettura è in condizione di rispondere formalmente (nel sotto-menù "cittadinanza", in "comunicazioni"), eventualmente evidenziando tale difetto di procedibilità. Qualora non fosse chiaramente espresso, sarà bene chiedere anche semplicemente via mail e non PEC spiegazioni e indicazioni in base alla normativa applicata per dichiarare l'improcedibilità.

Quantomeno a Firenze non vi sono state problematiche rilevate di tale tipo, sebbene ve ne siano molte altre.

Chiediamo a tutti gli utenti del forum di voler comunicare eventuali criticità in merito alla presentazione e trattazione delle istanze di cittadinanza, dato che, nonostante un sistema unico on-line di inoltro, pare che si moltiplichino prassi che variano anche molto da parte degli uffici cittadinanza presso le singole prefetture.

cordialmente

Rispondi