titolari di protezione nulla osta per il matrimonio

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 287
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

titolari di protezione nulla osta per il matrimonio

Messaggio da Mauri.Clara » mer feb 21, 2018 8:04 pm

Un cittadino nigeriano titolare di PSE asil a breve si sposa con cittadina italiana lui é residente nel nostro comune e la futura moglie in un comune poco lontano dal nostro ma della regione Liguria.
Dove può chiedere il nulla osta per imatrimonio ? Non potendolo avere dall'Ambasciata è necessario fare un atto notorio in comune o in Tribunale

adirmigranti
Messaggi: 538
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: titolari di protezione nulla osta per il matrimonio

Messaggio da adirmigranti » gio feb 22, 2018 11:39 am

Rispondiamo alla sua domanda incollando le informazioni riportate sul portale integrazione migranti in merito alle procedure da seguire per il rifugiato che intenda contrarre matrimonio in Italia:

MATRIMONIO

Beneficiari: rifugiati.

Documenti richiesti:
1) Permesso di soggiorno attestante lo status di rifugiato in corso di validità (oppure permesso di soggiorno scaduto e ricevuta della richiesta del rinnovo);
2) Nulla osta rilasciato dall’Unhcr.

Istituzione competente: Comune, ufficio matrimoni.

Al fine di contrarre matrimonio in Italia al rifugiato riconosciuto in Italia non viene chiesto il nulla osta al matrimonio rilasciato dalle autorità competenti del paese di origine che attesti l’assenza di impedimenti al matrimonio secondo la legge del paese di origine, così come invece previsto per i cittadini stranieri dall’art. 166 del codice civile. Tale eccezione si inquadra sia nell’art. 25 che nell’art. 12 della Convezione di Ginevra che prevede che “lo status personale del rifugiato verrà regolato dalla legge del Paese in cui ha domicilio o, in mancanza di domicilio, dalla legge del Paese di cui ha la residenza.”

In sostituzione il rifugiato politico deve richiedere il nulla osta al matrimonio rilasciato dall’Unhcr Italia. Questa procedura è stata formalizzata dal telespresso inviato in data 9 aprile 1974 dal Ministero di Grazia e Giustizia al Ministero degli Esteri che, recante come oggetto “Dichiarazione sostitutiva del nulla osta per stranieri art. 116 CC rilasciata dall’Alto Commissariato per i Rifugiati - Ufficio di Roma” specifica che “accertata la legittimazione, ai sensi dell’ordinamento internazionale, dell’Alto Commissariato per i rifugiati a rilasciare la dichiarazione de qua. La stessa può essere ritenuta quale atto sostitutivo del nulla osta previsto dall’art. 116 del Codice Civile”

Il nulla osta può essere richiesto gratuitamente all’Unhcr (via Caroncini 19, 00197 Roma) presentando personalmente o spedendo i seguenti documenti:

1) atto sostituivo di notorietà, con autentica di firma senza marca da bollo, rilasciato dal Tribunale o dal Comune o da un notaio, che attesti i dati di nascita e lo stato libero del rifugiato, redatto in presenza di due testimoni;
2) copia della decisione di riconoscimento dello status di rifugiato;
3) copia del permesso di soggiorno in corso di validità (oppure permesso di soggiorno scaduto e ricevuta della richiesta del rinnovo);
4) copia del documento di identità del futuro coniuge.

Per informazioni: Unhcr, 06.80212300, itaro@unhcr.org


vedi il link per ulteriori approfondimenti
http://www.integrazionemigranti.gov.it/ ... iva.aspx#3

cordialmente

Rispondi