minore con cittadinanza moldava e rumena: iscrizione anagrafica

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 185
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

minore con cittadinanza moldava e rumena: iscrizione anagrafica

Messaggio da Mauri.Clara » mar mag 02, 2017 8:01 pm

Un minore di anni 15 moldavo, ha anche il passaporto rumeno. La madre moldava come il figlio, non ha passaporto rumeno, ha solo la cittadinanza moldava ed ha un permesso di soggiorno per motividi lavoro.Il padre moldavo, ma come il figlio doppia cittainanza, moldava e rumena non é in Italia. I genitori sono divorziati.
Il certificato di nascita del figlio nonché il certificato di divorzio, anche se prodotti in modo che ad una prima lettura potrebbero sembrare incompleti, forse pottrebbero essere acquisiti; poiché la madre già in possesso di regolare permesso di soggiorno é già iscritta nell'anagrafe del nostro comune il figlio potrebbe essere iscritto in anagrafe senza dovere chiedere per lui un permesso di soggiorno, bensì in quanto cittadino rumeno.
Nel certificato di divorzio manca comunque un riferimento a eventuale affidamento del figlio alla madre. Dobbiamo richiedere nuovo certificato di divorzio dove si capisca se il figlio é affidato alla madre, cosa che per altro la madre dichiara?
E' opportuna una dichiarazione di consenso del padre che acconsenta che il figlio resti a vivere con la madre in Italia?

adirmigranti
Messaggi: 371
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: minore con cittadinanza moldava e rumena: iscrizione anagrafica

Messaggio da adirmigranti » mer mag 03, 2017 3:31 pm

Gentile Mauri,
per rispondere più puntualmente al suo quesito sarebbe fondamentale capire a quale scopo serve la documentazione.
In linea generale per l'iscrizione anagrafica del minore con permesso di soggiorno e certificato di nascita opportunamente tradotto e legalizzato, non dovrebbe servire ulteriore documentazione, ma questa è valutazione da fare prima di tutto con gli uffici del comune competente. L'ufficio anagrafe di Massa che tipo di documentazione richiede? è un quesito che pone a noi dopo averlo posto al suo ufficio anagrafe?

A parte il certificato di divorzio e la necessità di affidamento alla madre, in ogni caso riteniamo necessario il consenso del padre, dato che l'affidamento esclusivo alla madre di per sè non significa che il padre perda la patria potestà e quindi la possibilità di vedere e di trascorrere del tempo col figlio.

Cordialmente.

Mauri.Clara
Messaggi: 185
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

Re: minore con cittadinanza moldava e rumena: iscrizione anagrafica

Messaggio da Mauri.Clara » mer mag 03, 2017 8:07 pm

Poichè questo caso mi lasciava qualche incertezza ho preferito inviarvi la consulenza in oggetto, ma non ho capito la vostra risposta o almeno mi é chiara solo dove precisate che è necessario il consenso del padre .

Il figlio non ha un permesso di soggiorno! La madre aveva finora con sé solo un certificato di nascita originale ma non apostillato e i due passaporti del figlio, quindi non aveva potuto regolarizzare il figlio.

Ma che strada si deve più correttamente seguire per regolarizzare il figlio?
Essendo la madre extracomunitaria dovrebbe fare un ricongiungimento del figlio chiedendo per lui un permesso di soggiorno in base al TU? Tuttavia il figlio é anche comunitario. Osservo che la madre non può essere a carico del figlio minorenne; quindi mi sembra di dovere concludere che la madre continua a rinnovare il suo permesso di soggiorno per motivi di lavoro e che non ha diritto ad un carta ex Dlgs 30/2007.
Chiedo in modo più esplicito:la madre deve chiedere un permesso di soggiorno per il figlio facendo una coesione di fatto, oppure è possibile regolarizzare la presenza del figlio semplicemente iscrivendolo in anagrafe in quanto cittadino rumeno come mi sembra che ritenesse di potere fare la collega dell'anagrafe ?( preciso che la madre ha un regolare permesso per motivi di lavoro ed é già iscritta in anagrafe)

Il quesito che ora vi ho esposto in modo più diretto, era scritto in modo implicito nel mio precedente messaggio; sul secondo quesito da me formulato in modo esplicito credo di potere concludere che è necessario avere sia l'atto di affidamento alla madre e quindi almeno un atto di divorzio più completo di quello che la madre ci ha consegnato, sia il consenso del padre.

Inoltre i certificati di nascita e divorzio sono prodotti in un modo che é difficile dire se sono completi (per quanto riguarda il certificato di nascita manca apostille sul certificato di nascita originale, é allegata la trdauzione con l'apostille che legalizza la firma del traduttore;per quanto riguarda il certificato di divorzio manca l'originale, é prodotto in fotocopia dal traduttore che dichiara di avere preso visione dell'originale; e poi é é stata apostillata la firma del traduttore).

Resto in attesa di vostre precisazioni.

adirmigranti
Messaggi: 371
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: minore con cittadinanza moldava e rumena: iscrizione anagrafica

Messaggio da adirmigranti » ven mag 05, 2017 3:16 pm

Prima di tutto abbiamo modificato il titolo del suo quesito, in qualche modo anticipando la risposta allo stesso.

Abbiamo capito che la madre è extracomunitaria e il figlio, anche, comunitario. Quindi lo status di cittadino UE (rumeno) prevale su quella di cittadino non UE (moldavo). Forse non le era chiaro questo dato fondamentale?

Dal suo quesito non riusciamo a delineare con precisione il problema che ci pone, per cui avremmo bisogno di una risposta più puntale alle nostre domande o di una riformulazione chiara dei quesiti e un'acquisizione dei pareri degli altri uffici su cui evidenziare e discutere le eventuali criticità.

In particolare le abbiamo posto noi alcune questioni a cui non ci ha risposto: "come mi sembra che ritenesse di potere fare la collega dell'anagrafe", cosa le ha detto la collega?
"Inoltre i certificati di nascita e divorzio sono prodotti in un modo che é difficile dire se sono completi": dato che sarà l'anagrafe a dover acquisire tali documenti, sarebbe utile, come più volte le abbiamo chiesto esplicitamente, conoscere quale sia l'orientamento dell'anagrafe stessa. Su questo punto in particolare non saremo in grado di fornire precisazioni di alcun tipo fino a quando non riusciremo a confrontarci direttamente con l'anagrafe, qualora tale ufficio ritenga che vi siano incertezze sulla validità di tali certificati.

Per concludere ribadiamo che non è importante l'atto di divorzio, che può tranquillamente non esserci a i fini dell'iscrizione in anagrafe del figlio minore. Sono invece necessari l'atto di nascita del figlio e il consenso del padre.

Aspettiamo indicazioni e le auguriamo buon lavoro.

Rispondi