Ricongiungimento ex DLGS 30/2007 caso particolare

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 271
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

Ricongiungimento ex DLGS 30/2007 caso particolare

Messaggio da Mauri.Clara » mer ago 01, 2018 5:49 pm

Ricongiungimento del figlio della moglie ex DLGS 30/2007
Un cittadino marocchino con cittadinanza italiana vorrebbe ricongiungere il figlio della moglie attualmente non ancora cittadina italiana.
La moglie é entrata in Italia da circa tre anni con nulla osta per ricongiungimento; questa coppia é residente nel nostro comune ed hanno un figlio nato qui di circa tre anni;la moglie aveva tuttavia in Marocco un figlio che é stato riconosciuto dal padre, ma che il padre lasciò che fosse affidato alla madre fin dalla nascita.
La madre di questo ragazzo di anni 14 potrebbe fare ricongiungimento del figlio con TU utilizzando ll reddito del marito per ora non lavora ; ho ritenuto tuttavia opportuno suggerire di recarsi entrambi all'Ambasciata italiana in Marocco per chiedere un visto per turismo per il figlio della moglie al fine di chiedere poi in questura una carta ex Dlgs 30/2007 in quanto figlio di coniuge di cittadino italiano.
Non so se sia possibile ottenere il consenso del padre del ragazzino all'espatrio,ma poichè dovrebbe essere stato affidato alla madre, la documentazione da esibire in questura quando il ragazzo sarà arrivato sarà:
passaporto, certificato di nascita del figlio, certificato di matrimonio già trascritto presso lo Stato civile del nostro comune,affidamento del figlio alla madre tradotto e postillato e se possibile consenso del padre. Ovviamente il cittadino italiano coniugato con la madre dichiarerà che è a suo carico allegando il reddito.
Potete confermare che è opportuno seguire l’iter del ricongiungimento ex Dlgs 30/2007 e precisare se l’elenco dei documenti da esibire é completo?

adirmigranti
Messaggi: 504
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Ricongiungimento ex DLGS 30/2007 caso particolare

Messaggio da adirmigranti » gio ago 02, 2018 11:04 am

Salve,
le confermiamo che ci sembra corretta la strada da lei consigliata agli interessati.

Riteniamo di dover precisare soltanto che il consenso del padre del minore sarà certamente necessario ai fini del rilascio del titolo di soggiorno, così come lo sarebbe nel caso di richiesta di ricongiungimento familiare tramite SUI e quindi rilascio di visto per motivi familiari.

Il fatto che il minore in questione abbia un passaporto già rilasciato, significa che il padre ha dato il proprio consenso a che il figlio possa fare uscire dal Marocco solo per brevi periodi, ai fini di turismo o visita familiare. Qualora invece il minore venga ricongiunto dalla madre per risiedere stabilmente in Italia, o già nell'atto di affidamento si dà conto del fatto che tale decisione spetti soltanto alla stessa, oppure sarà per l'appunto necessario accompagnare all'atto di affidamento il consenso del padre tradotto e legalizzato.

cordialmente

Rispondi