Padre ortodosso cittadinanza rumena e ricongiungimento della sua famiglia

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 259
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

Padre ortodosso cittadinanza rumena e ricongiungimento della sua famiglia

Messaggio da Mauri.Clara » lun lug 16, 2018 7:12 pm

Un Padre ortodosso rappresentatne legale della parrocchia ortodossa romena con sede in Massa ha ricongiunto la moglie e 4 figli di cui tre minori di quattordici anni.
Nella dichiarazione del vescovo della Diocesi ortodossa Romena d'Italia si precisa che la Diocesi Ortodossa Romena d'Italia é stata riconosciuta come ente di culto con personalità giuridica ed è iscritta nel registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Roma.
Nella medesima dichiarazione si precisa la composizione del nucleo famigliare del Padre in oggetto e che il medesimo è assunto con contratto a tempo indeterminato e che il medesimo ha tutti i diritti secondo le leggi valide sul territorio dell'Unione Europea.
Il Padre risulta avere un contributo di 1100 euro dalla sua comunità che documenta con attestazione a firma del presidente del consiglio Parrocchiale, del tesoriere, segretario e membri.

Chiedo: è idonea questa attestazione per dimostrare il reddito del Padre che ha a carico la famiglia come sopra precisato?
Attenendoci alla tabella cui rinvia la normativa forse dovrebbe dimostare di avere un reddito annuo di euro 17.000 circa;
tuttavia mi sembra di verificare che non ci sia una valutazione della capacità economica così attenta nel caso dei famigliari extracomunitari di cittadini comunitari da parte della Questura, nè da parte del Comune quando si tratta di famigliari comunitari di cittadini comunitari come nel nostro caso.
Poiché é solo da quando il nostro sportello ha sede all'interno della sede comunale che si rivolgono a noi in modo consistente anche i cittadini comunitari vorrei che mi chiariste in termini di legge quale valutazione deve essere fatta in merito alla capacità economica di un cittadino comunitario che vuole riunire la sua famiglia come in questo caso e vuole chiederne l'iscrizione anagrafica.
Infine in questo caso particolare ci possono essere considerazioni altre e ancora come ho già chiesto è sufficiente questa attestazione?
Quanto il padre riceve dalla sua comunità dovrà essere dichiarato con dichiarazione redditi?

Veniamo ora alla dimostrazione del legame parentale che però esprimo dettagliatamente in successiva consulenza sulla procedura di legalizzazione dei documenti rumeni; lasciando con questa consulenza da precisare se qualora i documenti non fossero legalizzati in modo corretto la dichiarazine dettagliata da parte del vescovo della composizione della famiglia può consentire di superare eventuali incompletezze nalla documentazione riguardante la parentela.

adirmigranti
Messaggi: 485
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Padre ortodosso cittadinanza rumena e ricongiungimento della sua famiglia

Messaggio da adirmigranti » gio lug 19, 2018 3:25 pm

Salve,
Le confermiamo che l'interessato dovrà dimostrare la propria capacità reddituale sulla base della tabella da lei ricordata.
Non comprendiamo a cosa si riferisca con la sua affermazione "tuttavia mi sembra di verificare che non ci sia una valutazione della capacità economica così attenta nel caso dei famigliari": dato che i familiari come l'interessato sono comunitari, dovrà essere il Comune a gestire la pratica, le chiediamo pertanto di chiarirsi sul punto con la responsabile del suo ufficio anagrafe in modo da aggiornarci sulla vs. prassi.

Oltre alla capacità reddituale che dovrà essere dimostrata con dichiarazione dei redditi, in generale potrà essere dimostrata la possibilità di farsi carico dei familiari in qualsiasi altro modo, l'importante è che nella sostanza si dimostri che il carico familiare non sarà in potenza un onere per lo stato italiano. Anche su questo punto le chiediamo di chiarire tale aspetto in termini di prassi con la propria anagrafe e se dal caso far sì che la responsabile ci contatti direttamente.

Nell'augurarle buon lavoro ed in attesa di un suo riscontro, cordiali saluti

Rispondi