pse motivi umanitari al rinnovo

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 377
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

pse motivi umanitari al rinnovo

Messaggio da Mauri.Clara » gio apr 04, 2019 7:45 pm

Un cittadino del Ghana titolare di permesso di soggiorno per motivi umanitari in scadenza domani, attualmente titolare anche di passaporto,non ha ancora trovato lavoro .
Era inserito nel nostro progetto SPRAR,purtroppo da quest'autunno cessato; é residente in un appartamento che il volontariato ha continuato a rendere disponibile ad un gruppo di titolari di permessi umanitari, asilo protezione sussidiaria che stavano frequentando in loco corsi di formazione e che con la chiusura del nostro progetto SPRAR si sarebbero trovati in grosse difficoltà per l'alloggio.
Questo giovane infatti ha da poco terminato un corso di formazione professionale riconosciuto dalla regione.
Avendo subito un'importante intervento chirurgico, aveva un grave difetto ad un arto, i tempi per il suo inserimento in ambito lavorativo sono stati più lunghi.
Forse con un po’ di tempo e grazie alla collaborazione dell'associazionismo é probabile che possa trovare qualche opportunità lavorativa compatibile con le sue non perfette condizioni di salute; ha la certificazione dell'intervento ortopedico fatto circa un anno fa ma non è stata fatta la domanda per invalidità civile finora.
Ci avevate già precisato in precedente consulenza che per chiedere il rinnovo/conversione del permesso umanitario bisogna recarsi in questura; mi arrivano notizie però che molti inviano una richiesta per attesa occupazione con kit postale.
Nel caso precedentemente inviatovi in consulenza l'interessato non aveva ancora il passaporto, ma sicuramente sarebbe stato assunto al termine del corso di formazione, grazie anche alle vostre precisazioni abbiamo trovato molta collaborazione così il giovane ha avuto dalla Questura un cedolino con cui la ditta che lo aveva avuto per lo stage ha potuto assumerlo e ora avrà un permesso per lavoro.
Nel caso attuale il lavoro non c'è ancora anche perché come dico il giovane ha dovuto subire un impegnativo intervento ortopedico per grave difetto ortopedico forse dalla nascita; ora ha una quasi normalità di deambulazione, ma sicuramente non potrà fare lavori pesanti;
Questa mattina non ho avuto la possibilità di leggere il verbale della commissione; ma leggendo la breve relazione fatta dall'operatore del CAS dove era stato accolto dal 2016 fino al 2017 la Commissione gli aveva riconosciuto la necessità di una tutela con permesso umanitario proprio per motivi di salute.
Considerate le condizioni di partenza i risultati ottenuti sono forse più che soddisfacenti e se non interverranno complicazioni avrà necessità di essere rioperato fra molti anni.
Non so che consiglio dare all'interessato : se si presenta domani in questura per rinnovare il permesso umanitario non avendo un lavoro gli potranno dare una richiesta di rinnovo per quale tipologia di permesso?
E se ascoltando i sentiti dire si invia una richiesta con kit quali rischi per l'interessato e quali vantaggi?
Poiché é iscritto al centro per l'impiego, spiegando la situazione alla questura: questo giovane cha molta volontà e buone capacità nella meccanica, ha fatto un corso di formazione in altro settore perché era solo quello possibile dopo l’intervento,corso concluso da poco, l'associazionismo accompagnerebbe con una relazione di accompagnamento presa in carico, la Questura potrebbe rilasciargli una ricevuta "per attesa occupazione"? secondo me questa soluzione sarebbe molto più corretta .

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 712
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: pse motivi umanitari al rinnovo

Messaggio da adirmigranti » sab apr 06, 2019 4:06 pm

Salve,
il problema dell'inoltro del kit per la richiesta di conversione del permesso per motivi umanitari è relativo al fatto che per l'appunto tale tipo di permesso non ha un codice, come invece le procedure di rinnovo o conversione prese in considerazione nel kit stesso.

Altro problema è quello della conversione del permesso da umanitari ad attesa occupazione: nel prevedere che tali permessi possano essere convertiti in lavoro in modo esplicito il legislatore non ha vietato altrettanto esplicitamente la conversione in attesa occupazione, motivo per il quale riteniamo essere una strada che, anticipati al diretto interessato tutti i risvolti problematici, possa essere percorsa; varrebbe in questo senso la pena provare a chiedere un appuntamento inviando pec alla questura per l'inoltro di tale istanza non inoltrabile tramite posta, chiedendo esplicitamente la conversione in attesa occupazione sulla scorta della documentazione medica e formativa.

A disposizione per ogni eventuale chiarimento ed in attesa di suoi aggiornamenti,
cordialmente.

Rispondi