madre di neonata italiana diritto alla carta di soggiorno ex dlgs 30/2007

Rispondi
Mauri.Clara
Messaggi: 541
Iscritto il: lun gen 16, 2017 8:50 am

madre di neonata italiana diritto alla carta di soggiorno ex dlgs 30/2007

Messaggio da Mauri.Clara » gio feb 13, 2020 8:06 pm

Una cittadina cinese titolare fino al 2018 di permesso per studio; nel 2018 si é laureata in Architettura . Quindi in primavera 2019 ha inoltrato una richeista di permesso per attesa occupazione in attesa di convertire il suo permesso per studio in un permesso per lavoro.
In realtà a dicembre 2019 é nata una splendida bimba; da Firenze si é trasferita a Massa dove vive con il compagno italiano con la loro figlia neonata e i genitori di lui.
Poichè sono saltati i progetti che aveva fatto per il lavoro: voleva fare la libera professione ed era trascorso ormai quasi un anno dall'inoltro della richeista di un Pse per attesa occupazione le é stato consigliato di chiedere un permesso per gravidanza che scadrà a maggio.
Poichè il compagno laureato in medicina sta facendo la pecializzazione e quindi ha uno stipendio sufficiente per loro tre cui si aggiuge il reddito dei genitori di lui, vorrebbe chiedere la carta di soggiorno ex dlgs 30/2007 in quanto madre di cittadina italiana.
Vorrei che chiedessero un appuntamento in Questura per chiedere il ttitolo di soggiorno come ora precisato documentando la lro richeista a norma di legge aaffinché non sia loro obiettato che un minore non può avere un reddito.
Mi sembra che abbiamo già discusso in passato e soche hanno diritto al titolo di cui sopra.
Non trovo la vecchia consulenza e i necessari riferimenti normativi
Ringrazio

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1036
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: madre di neonata italiana diritto alla carta di soggiorno ex dlgs 30/2007

Messaggio da adirmigranti » ven feb 14, 2020 5:31 pm

Salve,
immaginiamo che il quesito a cui fa riferimento sia questo: http://dirittimigranti.ancitoscana.it/v ... 5474fcaa22

Ribadiamo quindi la necessità di chiedere alla Questura una carta di soggiorno, senza mettere il carro davanti ai buoi, attendendo quindi che la Questura si prenda la responsabilità di rifiutare e motivare per iscritto i motivi ostativi all'accoglimento dell'istanza.

Con la speranza di non doverLe a cadenze regolare confermare o ribadire consulenze già forniteLe,
cordiali saluti

Rispondi