Accoglienza dei cittadini ucraini

Rispondi
Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1346
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Accoglienza dei cittadini ucraini

Messaggio da adirmigranti » ven mar 04, 2022 6:17 pm

La Circolare del Ministero dell’Interno del 2 marzo 2022

“Sull'accoglienza dei profughi in arrivo sul territorio nazionale è stata diramata oggi ai prefetti una circolare del Capo dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione del ministero dell’Interno in cui sono fornite alcune indicazioni operative sull’accoglienza dei cittadini ucraini in fuga dalle aree di conflitto, in attuazione di quanto previsto dal decreto-legge 28 febbraio 2022, n. 16, “Ulteriori misure urgenti per la crisi in Ucraina”, che ha disciplinato specifiche misure riguardanti i profughi provenienti da quel Paese.”

Leggi tutta la notizia dal sito del Ministero dell’Interno: https://www.interno.gov.it/it/notizie/c ... i-profughi

Vedi anche "Ulteriori misure urgenti per la crisi in Ucraina" - Decreto-legge 28 febbraio 2022, n. 16, pubblicato sulla G.U. Serie Generale n.49 del 28-02-2022: https://www2.immigrazione.regione.tosca ... umero=6448
fonte: https://www2.immigrazione.regione.tosca ... umero=6448
Allegati
circolare_accoglienza_ucraini_2_marzo_2022.pdf
(119.06 KiB) Scaricato 96 volte

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1346
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Accoglienza dei cittadini ucraini

Messaggio da adirmigranti » mer mar 09, 2022 10:40 am

È stata diramata ai prefetti la circolare del capo di gabinetto, Bruno Frattasi, con cui si forniscono ai prefetti indicazioni sul modello di accoglienza dei profughi ucraini delineato dalle ordinanze di protezione civile n. 872 e n. 873 adottate dal capo del dipartimento, Fabrizio Curcio, dopo la dichiarazione - fino al 31 dicembre prossimo - dello stato di emergenza in relazione all’esigenza di assicurare soccorso e assistenza alla popolazione ucraina sul territorio nazionale.

La circolare fornisce anche indicazioni ai prefetti sulle disposizioni di carattere sanitario che i profughi ucraini dovranno seguire per poter accedere al circuito dell’accoglienza pubblica.
fonte: https://www.interno.gov.it/it/notizie/p ... ete-cassai
Allegati
circolare_ucraina_acc 8.03.2022.pdf
(598.36 KiB) Scaricato 144 volte

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1346
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Accoglienza dei cittadini ucraini

Messaggio da adirmigranti » gio mar 10, 2022 12:08 pm

Prime informazioni utili per i profughi ucraini in Italia

Disposizioni sanitarie, accoglienza e come regolarizzare la propria posizione. Scheda in ucraino, inglese e italiano

Si intitola Benvenuto in Italia la scheda pubblicata dal Ministero dell'interno e dal Dipartimento della Protezione per dare le prime informazioni utili ai profughi ucraini che stanno arrivando in Italia. È in italiano, in inglese e in ucraino e un QR Code consente di raggiungere la pagina internet dove è pubblicata.

La scheda illustra le disposizioni legate all’emergenza Covid-19, dal regime di autosorveglianza al tampone, informa sulla possibilità di accedere alle vaccinazioni e fornisce i numeri regionali di emergenza COVID-19. Spiega, inoltre, come regolarizzare la propria posizione sul territorio italiano nei primi 90 giorni di permanenza o successivamente.

È disponibile anche un QR code per collegarsi alla scheda dai dispositivi mobili.

Ecco il testo in italiano:

Benvenuto in Italia

Di seguito ti indichiamo alcune importanti e utili informazioni per il tuo soggiorno in Italia e ti invitiamo a regolarizzare al più presto la tua presenza per accedere nel più breve tempo possibile all’assistenza sanitaria e logistica

Obblighi sanitari secondo la normativa anti Covid-19 per i cittadini ucraini provenienti dall’Ucraina e i soggetti provenienti comunque dall’Ucraina

Per poter soggiornare nel nostro Paese devi rispettare le seguenti disposizioni:

• Fino al 31 marzo 2022, entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale devi effettuare, tramite tampone, un test molecolare o antigenico per SARS-CoV-2.

• Nei cinque giorni successivi al tampone devi osservare il regime di auto-sorveglianza con obbligo di indossare la mascherina di tipo FFP2.

• Fino al 31 marzo 2022, entro il limite massimo di 5 giorni dal tampone di cui al primo punto, se negativo, puoi utilizzare i mezzi di trasporto pubblico, con obbligo di indossare a bordo la mascherina di tipo FFP2, per raggiungere le strutture di cura e/o assistenza sanitarie, il domicilio o altro luogo di accoglienza nonché accedere alle strutture ricettive messe a disposizione, ma devi esibire la certificazione di esserti sottoposto nelle 72 ore antecedenti, ad un test molecolare, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo, ovvero, nelle 48 ore antecedenti, a un test antigenico.

• Al punto di ingresso in territorio nazionale, o comunque entro i 5 giorni successivi dall’ingresso, verrà garantita:

- la somministrazione dei vaccini anti Covid-19, difterite, tetano, pertosse, poliomielite

- l’offerta del vaccino anti morbillo, parotite, rosolia e del test di screening per la tubercolosi, ed a valutazione delle autorità sanitarie, anche di altre vaccinazioni.

• Fino al 31 marzo 2022, nelle more dell’emissione del certificato verde cosiddetto “rafforzato”, sei autorizzato a permanere nei centri di accoglienza, nel Sistema di accoglienza e integrazione (SAI) o nelle altre strutture ricettive ove sarai ospitato o presso le abitazioni private messe a disposizione.

Per le informazioni circa la validità della tua documentazione sanitaria oppure per informazioni sanitarie chiama il numero verde di pubblica utilità 1500 oppure il numero verde della Regione in cui ti trovi. Puoi anche recarti di persona presso il presidio sanitario ASL più vicino.

A chi puoi rivolgerti se hai necessità di un alloggio per te e per la tua famiglia

• Se non disponi di una sistemazione abitativa, puoi rivolgerti agli uffici della Prefettura della città in cui ti trovi, rappresentando la tua situazione e la necessità di essere inserito in una struttura di accoglienza.

Cosa devi fare per regolarizzare la tua posizione sul territorio italiano nei 90 giorni di permanenza

• In quanto cittadino ucraino in possesso di passaporto biometrico sei esentato dal visto d’ingresso e puoi permanere sul territorio italiano fino ad un massimo di 90 giorni dal momento dell’ingresso nell’area Schengen.

• Affrettati a regolarizzare la tua posizione così sarà più facile darti tempestivamente l’assistenza di cui hai bisogno.

• Se provieni da un Paese dell’area Schengen, come per esempio la Slovenia, le autorità di quel Paese hanno già apposto sul tuo passaporto il timbro di ingresso dalla cui data devi iniziare a contare i 90 giorni.

• Se invece il tuo passaporto non è stato timbrato devi recarti presso la Questura-Ufficio Immigrazione della città in cui ti trovi e sottoscrivere la dichiarazione di presenza.

Cosa devi fare per regolarizzare la tua posizione sul territorio italiano dopo i 90 giorni di permanenza

• Se decidi di rimanere in Italia oltre i 90 giorni devi presentarti presso la Questura-Ufficio Immigrazione della città in cui ti trovi, dove riceverai tutte le informazioni necessarie sulle diverse possibilità di permanenza regolare sul territorio italiano.

Altre informazioni:

• Ricorda di portare sempre con te il tuo passaporto e/o documento di identità.

• Se non hai con te un documento di identità l’Ambasciata Ucraina in Roma può rilasciartene uno.

• Per qualsiasi dubbio sul tuo soggiorno in Italia puoi sempre rivolgerti alla Questura-Ufficio Immigrazione o al Commissariato della Polizia di Stato a te più vicino.

• Per qualsiasi necessità o urgenza sulla tua condizione di salute puoi rivolgerti alla struttura ospedaliera a te più vicina.

• Ricorda di portare con te la certificazione di vaccinazione anti-Covid.

• Se hai bisogno di altre informazioni riguardanti il Covid-19 puoi chiamare i numeri regionali riportati nell’opuscolo o il Ministero della Salute raggiungibile h24 al numero 1500 dall’Italia e dall’estero +39 0232008345 - +39 0283905385.

Elenco dei numeri regionali di emergenza COVID-19

Abruzzo 800 595 459

Calabria 800 841 289

Campania 800 550 506

Emilia-Romagna 800 033 033

Friuli Venezia Giulia 800 909060

Lazio 800 118 800

Liguria 800 811 187

Lombardia 800 894 545

Marche 800 936 677

Piemonte 800 957 795

Provincia autonoma di Trento 800 867 388

Puglia 800 713 931

Sardegna 800 311 377

Sicilia 800 458787

Toscana 800 432525

Umbria 800 636 363

Valle d’Aosta 800 122 121

Veneto 800 462 340
Fonte, QRcode e versioni in inglese e ucraino: https://integrazionemigranti.gov.it/it- ... in-Italia-

Rispondi