Il Comune di Ferrara ha discriminato gli stranieri nell’accesso agli alloggi ERP

In questa sezione sono inserite linee guida su specifici argomenti, schede pratiche, sentenze e giurisprudenza rilevanti.

Se vuoi porci un QUESITO o fare una SEGNALAZIONE puoi iscriverti al portale tramite questo link https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIp ... g/viewform
Al termine della procedura di iscrizione riceverei le credenziali di accesso al portale.

Per segnalazioni urgenti chiamate il numero 3939011446 (mercoledì h 9-14, giovedì h 14-17).


Immagine
Questa sezione è realizzata nell'ambito del progetto #ionondiscrimino, finanziato dal FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020 OS 2: Integrazione / Migrazione legale – ON 3: Capacity building – lett. l) potenziamento della Rete nazionale dei centri antidiscriminazione.
#ionondiscrimino (PROG-706) prevede una serie di azioni per riconoscere, prevenire e combattere le discriminazioni dirette e indirette fondate sulla razza e sull’origine etnica nei confronti dei cittadini di Paesi Terzi.

Immagine
Rispondi
Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1259
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Il Comune di Ferrara ha discriminato gli stranieri nell’accesso agli alloggi ERP

Messaggio da adirmigranti » gio lug 08, 2021 11:01 am

Il Tribunale di Ferrara, Giudice dott.ssa Maria Marta Cristoni, ha accolto il ricorso promosso da ASGI -Associazione studi giuridici sull’immigrazione e da due cittadini stranieri, con l’intervento dell’associazione l’Altro diritto e il sostegno della CGIL Ferrara, contro il bando per l’accesso agli alloggi di edilizia economica popolare indetto dal Comune di Ferrara nel 2020.

Le previsioni contestate che avevano dato luogo al ricorso erano due: la sopravvalutazione del criterio della residenza (0,5 punti l’anno, senza un tetto massimo) rispetto ad altri criteri inerenti il bisogno delle persone (disabilità, condizioni economiche precarie, situazione abitativa disagiata ecc.) e la richiesta ai soli cittadini stranieri di attestare l’assenza di proprietà nel Paese di origine mediante documenti provenienti dal paese stesso (previsione quet’ultima parzialmente sospesa per il periodo di emergenza sanitaria ma mantenuta dalla Giunta come regime ordinario).

Secondo il Tribunale, il primo criterio contravviene ai principi fissati dalla sentenza della Corte costituzionale n. 9/2021 la quale ha evidenziato il carattere discriminatorio della legge regionale dell’Abbruzzo che aveva fissato principi del tutto analoghi a quelli contenuti nella Delibera e nel bando di Ferrara.

“Chiedere ai soli cittadini di paesi extraeuropei, la produzione di una documentazione aggiuntiva (peraltro particolarmente gravosa) rispetto a quella richiesta ai cittadini UE e italiani -stabilisce la Giudice – integra una irragionevole disparità di trattamento tra cittadini europei ed extra EU non motivata dalla finalità di disciplina relativa agli alloggi popolari, né giustificata da ragioni di controllo sulle dichiarazioni rese dai candidati”.

Peraltro, secondo il Tribunale di Bologna, il requisito aggiuntivo documentale stabilito dal Comune per i soli cittadini extra UE non è nemmeno previsto dalla L.r. Emilia Romagna n. 24/2001, né dalla delibera regionale, sicché l’unica responsabilità per la discriminazione è da imputarsi allo stesso Comune.

Anche il criterio di premialità della residenza storica è da ritenersi parimenti illegittimo in quanto “non ha alcuna coerenza con la ratio della disciplina.” La conseguenza di tale scelta è quella di dare una illogica valorizzazione preponderante della residenza a chiunque sia nato e cresciuto a Ferrara che prevale su qualsiasi altro tipo di bisogno concreto (come, ad esempio, essere sotto sfratto o essere seguiti dai servizi sociali).

fonte e approfondimenti: https://www.asgi.it/notizie/tribunale-d ... loggi-erp/
Allegati
ordinanza 6.7.2021 Ferrara.pdf
(416.09 KiB) Scaricato 33 volte

Rispondi