BONUS BEBÉ E BONUS NIDO 2020

In questa sezione sono inserite linee guida su specifici argomenti, schede pratiche, sentenze e giurisprudenza rilevanti.

Se vuoi porci un QUESITO o fare una SEGNALAZIONE puoi iscriverti al portale tramite questo link https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIp ... g/viewform
Al termine della procedura di iscrizione riceverei le credenziali di accesso al portale.

Per segnalazioni urgenti chiamate il numero 3939011446 (mercoledì h 9-14, giovedì h 14-17).


Immagine
Questa sezione è realizzata nell'ambito del progetto #ionondiscrimino, finanziato dal FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020 OS 2: Integrazione / Migrazione legale – ON 3: Capacity building – lett. l) potenziamento della Rete nazionale dei centri antidiscriminazione.
#ionondiscrimino (PROG-706) prevede una serie di azioni per riconoscere, prevenire e combattere le discriminazioni dirette e indirette fondate sulla razza e sull’origine etnica nei confronti dei cittadini di Paesi Terzi.

Immagine
Rispondi
Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1206
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

BONUS BEBÉ E BONUS NIDO 2020

Messaggio da adirmigranti » mer feb 26, 2020 12:01 pm

Ammessi, a determinate condizioni, anche i cittadini stranieri. Le circolari

L'Inps conferma la sua condotta discriminatoria. Con le due ultime circolari esplicative su Bonus Bebè 2020 e Bonus Nido 2020 ha stabilito che possono accedere a tali misure i cittadini europei e i cittadini di Pesi terzi che si trovino in una delle seguenti situazioni: titolari di permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo, titolari di carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’Unione europea, rifugiati e titolari di protezione sussidiaria.

Dunque ancora una volta in violazione delle norme di diritto europeo direttamente applicabili e vincolanti anche per l'amministrazione (dunque anche per l'INPS) esclude illegittimamente l'accesso agli stranieri che pur non ritrovandosi in una delle condizioni indicate dall'istituto, godono di parità di trattamento.
Si ricorda che i diritti sociali trovano piena tutela e godono di un regime di parità di trattamento anche in forza dello stesso T.U. Immigrazione il quale al suo art. 41 stabilisce che "i titolari di permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, nonché i minori iscritti nella loro carta di soggiorno o nel loro permesso di soggiorno, sono equiparati ai cittadini italiani ai fini della fruizione delle provvidenze e delle prestazioni".

Si invitano gli operatori del settore ad informare gli utenti illegittimamente esclusi sulla possibilità di poter far accertare in sede giudiziaria la condotta discriminatoria dell'inps.

Per le circolari e maggiori informazioni sulle prestazioni si rinvia al seguente link http://www.integrazionemigranti.gov.it/ ... -INPS.aspx

Rispondi