Nomadi digitali e lavoratori da remoto, più semplice l’ingresso in Italia

Rispondi
Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1524
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Nomadi digitali e lavoratori da remoto, più semplice l’ingresso in Italia

Messaggio da adirmigranti » mer mar 30, 2022 11:36 am

Una nuova categoria di lavoratori altamente qualificati tra i “fuori quota”. La novità nella converisone del Sostegni ter

"Nomadi digitali" e lavoratori da remoto extraue, autonomi o subordinati, potranno entrare in Italia al di fuori delle quote del decreto flussi. Una volta qui, avranno un permesso di soggiorno valido fino a un anno.

La novità è contenuta nella legge di conversione del decreto Sostegni ter, pubblicata lunedì scorso in Gazzetta Ufficiale, che ha aggiunto questa categoria agli ingressi per lavoro per casi particolari previsti dall’art.27 del TUI. La norma fa riferimento a persone che “svolgono attività lavorativa altamente qualificata attraverso l'utilizzo di strumenti tecnologici che consentono di lavorare da remoto, in via autonoma ovvero per un'impresa anche non residente nel territorio dello Stato italiano”.

Nomadi digitali e lavoratori da remoto dovranno avere un’assicurazione sanitaria e rispettare le disposizioni fiscali e contributive italiane. Un decreto ministeriale definirà le modalità e i requisiti per il rilascio del permesso di soggiorno, le soglie minime di reddito, le modalità di verifica dell’attività lavorativa e ulteriori dettagli sulle categorie di lavoratori ammesse.

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 27 gennaio 2022, n. 4 «Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all'emergenza da COVID-19, nonche' per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico.». (GU Serie Generale n.73 del 28-03-2022 - Suppl. Ordinario n. 13)
((Art. 6 quinquies

Ingresso in Italia per lavoro dei nomadi digitali e lavoratori da
remoto

1. All'articolo 27 del testo unico delle disposizioni concernenti
la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello
straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, sono
apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1, dopo la lettera q) e' inserita la seguente:
«q-bis) nomadi digitali e lavoratori da remoto, non
appartenenti all'Unione europea»;
b) dopo il comma 1-quinquies e' inserito il seguente:
«1-sexies. I soggetti di cui al comma 1, lettera q-bis), sono
cittadini di un Paese terzo che svolgono attivita' lavorativa
altamente qualificata attraverso l'utilizzo di strumenti tecnologici
che consentono di lavorare da remoto, in via autonoma ovvero per
un'impresa anche non residente nel territorio dello Stato italiano.
Per tali soggetti, nel caso in cui svolgano l'attivita' in Italia,
non e' richiesto il nulla osta al lavoro e il permesso di soggiorno,
previa acquisizione del visto d'ingresso, e' rilasciato per un
periodo non superiore a un anno, a condizione che il titolare abbia
la disponibilita' di un'assicurazione sanitaria, a copertura di tutti
i rischi nel territorio nazionale, e che siano rispettate le
disposizioni di carattere fiscale e contributivo vigenti
nell'ordinamento nazionale. Con decreto del Ministro dell'interno, di
concerto con il Ministro degli affari esteri e della cooperazione
internazionale, con il Ministro del turismo e con il Ministro del
lavoro e delle politiche sociali, da adottare entro trenta giorni
dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, sono
definiti le modalita' e i requisiti per il rilascio del permesso di
soggiorno ai nomadi digitali, ivi comprese le categorie di lavoratori
altamente qualificati che possono beneficiare del permesso, i limiti
minimi di reddito del richiedente nonche' le modalita' necessarie per
la verifica dell'attivita' lavorativa da svolgere».))
fonte: https://integrazionemigranti.gov.it/it- ... -in-Italia

Avatar utente
adirmigranti
Messaggi: 1524
Iscritto il: gio nov 24, 2016 5:15 pm

Re: Nomadi digitali e lavoratori da remoto, più semplice l’ingresso in Italia

Messaggio da adirmigranti » mer apr 10, 2024 12:02 pm

Nomadi digitali e lavoratori da remoto, ecco le regole

In vigore decreto interministeriale che disciplina ingresso e soggiorno in Italia dei lavoratori a distanza altamente qualificati

È stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale ed è in vigore da oggi un decreto del Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero del Turismo e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, su “Modalità e requisiti per l'ingresso ed il soggiorno dei cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea che svolgono un'attività lavorativa altamente qualificata attraverso l'utilizzo di strumenti tecnologici che consentono di lavorare da remoto”.

Si disciplinano così quegli ingressi di “nomadi digitali e lavoratori da remoto”, che il Testo Unico dell’Immigrazione (Dlgs. 286/1998, art.27, comma 1, lettera q bis) già pone al di fuori delle quote del decreto flussi. In entrambi i casi di tratta di lavoratori altamente qualificati che operano a distanza grazie alla tecnologia, ma sono definiti “nomadi digitali” i lavoratori autonomi, “lavoratori da remoto” i subordinati e i collaboratori.

Il decreto definisce i requisiti per il rilascio del visto e del permesso di soggiorno, relativi a reddito, assicurazione sanitaria, disponibilità di un alloggio, esperienza pregressa e, per i lavoratori da remoto, alla presenza di un contratto o di un’offerta vincolante. Una volta in Italia, questi lavoratori avranno un permesso di soggiorno con la dicitura «nomade digitale - lavoratore da remoto», della durata massima di un anno, ma rinnovabile, e potranno anche chiedere il ricongiungimento familiare.

Infine, il decreto disciplina le modalità per la verifica del rispetto delle disposizioni contributive e fiscali. Se non ci sono accordi bilaterali di sicurezza sociale con il Paese di Origine, varrà la disciplina previdenziale e assicurativa italiana. Ai nomadi digitali e ai lavoratori da remoto sarà rilasciato il codice fiscale insieme al permesso di soggiorno. I nomadi digitali dovranno aprire anche la partita iva.
fonte: https://integrazionemigranti.gov.it/it- ... -le-regole

link al Decreto 29 febbraio 2024 "Modalità e requisiti per l'ingresso ed il soggiorno dei cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea che svolgono un'attività lavorativa altamente qualificata attraverso l'utilizzo di strumenti tecnologici che consentono di lavorare da remoto.": https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id ... 4A01716/sg

Rispondi